News

news
18 mag 2022

UCRAINA: IL SERVIZIO INTERNET STARLINK RAGGIUNGE 150.000 UTENTI

Ucraina: il servizio internet Starlink raggiunge 150.000 utenti

8321u03pfd|2010C159Articoli|DescrEstesa

Elon Musk, CEO di Tesla, SpaceX e recentemente anche principale detentore delle quote di mercato di Twitter, ha recentemente toccato i 150.000 utenti attivi con Starlink, il suo servizio internet satellitare innovativo attivo in Ucraina da inizio marzo.

Fedorov, ministro ucraino del digitale, ha elogiato l’imprenditore sudafricano, sostenendo che l’attivazione del suo servizio internet è stato “fondamentale per la ricostruzione dei territori distrutti” e per mettere in contatto tra di loro molte famiglie ucraine desiderose di aiuto.

Ma come funziona Starlink in una nazione colpita dalla guerra?

Sul territorio ucraino ci sono ben 10.000 antenne (fonte: Nbc news) a connettere i cittadini del Paese, fornite in parte dagli stabilimenti dell’azienda in Europa e in parte direttamente dagli Stati Uniti.

A fine marzo le antenne presenti e dichiarate dal Governo ucraino erano solo 5000, ma grazie alla donazione di Musk in questo periodo sono aumentate; il funzionamento di questi apparecchi è molto particolare in quanto si tratta di antenne paraboliche da cui partono dei cavi collegati a speciali router Starlink che convertono il segnale satellitare in traffico di rete.

Il fatto che i satelliti Starlink viaggino in orbita terrestre bassa aumenta le prestazioni della rete e garantisce una qualità importante al servizio, proprio grazie alla facile reperibilità del segnale, nonostante in questi mesi non si siano placate le polemiche della NASA riguardo al servizio di Elon Musk in quanto un potenziale problema per i programmi di distruzione degli asteroidi.

Dmytro Zinchuk, responsabile del servizio Freenet ucraino per l’accessibilità Internet del paese ha dichiarato a Nbc News:

"Non è l'internet ideale ma quando non c'è alcuna connessione, Starlink è semplicemente una salvezza per le persone che sono rimaste senza connessione per molte settimane".

Condividi sulle tue piattaforme: